Home
Atina. Il museo archeologico. L'epoca preromana.

 

Pier Carlo Innico
Image
Atina
Il museo archeologico
L'epoca preromana
 

 PREMESSA  

 

Passati alcuni anni dalla sua istituzione il Museo Archeologico di Atina e altre realtà similari si stanno assestando nella loro funzione che contribuisce, affiancando gli Enti centrali, alla valorizzazione e promozione del patrimonio archeologico.
L’esercizio di questo compito è reso possibile dall’osservanza dei parametri normativi, dalla presenza di un organico adeguato, dai canali di finanziamento, certamente sempre insufficienti, ma comunque codificati attraverso il tradizionale filone Regione, Provincia, Comune.
Senza dubbio un forte impulso venne dall’Amministrazione Comunale che nel biennio 1999-2000 finanziò un primo allestimento didattico ed il restauro di alcuni materiali. In quella circostanza si diede l’avvio ad un programma che superava i termini della occasionalità ed evidenziava al contempo la potenzialità territoriale del museo, sottolineata dalle caratteristiche stesse della struttura e dalla qualità dei materiali archeologici che nel tempo erano confluiti presso il museo.
Tali caratteristiche incoraggiano tra l’altro il disegno dell’Amministrazione che ha in progetto l’ampliamento del complesso museale attraverso il trasferimento dell’annessa biblioteca che porterebbe al raddoppiamento della capacità espositiva.
Attraverso i materiali presentati in questo volume tenteremo, limitatamente a quanto possibile in questa sede, di restituire un quadro riassuntivo delle presenze archeologiche nella media Valle del Liri in epoca preromana.
Si tratteranno quindi alcune categorie di materiali che per omogeneità cronologica e culturale più scansionano, a nostro avviso, questo periodo storico.

 
 
FRONTESPIZIO  INDICE 
   

Torna a Segnalazioni 




 

© 2007 - 2018 Latiumadiectum
e-mail: redazione@latiumadiectum.it - direttore@latiumadiectum.it
Il portale viene aggiornato senza regolare periodicità, pertanto non rientra nella categoria dell'informazione
periodica stabilita dalla Legge n.62 del 7 marzo 2001.