Home
Dietro le quinte di...Veroli con il FAI

FAI - DELEGAZIONE DI Frosinone
Giornata di raccolta fondi a favore del FAI

DIETRO LE QUINTE DELLA TUA CITTÀ
Le ricerche di un erudito del '700 fra "conversazioni" serali romane
e villeggiature autunnali in provincia di Campagna

Domenica 25 novembre 2007
Comune di Veroli


IL PERSONAGGIO: VITTORIO GIOVARDI  

Vittorio Giovardi (Veroli 1699-Roma 1786) è uno dei personaggi più rappresentativi del Settecento per il territorio dell’attuale provincia di Frosinone. Nato da una famiglia già illustre per tradizioni culturali e trasferitosi in Roma fin da giovinetto, entrò precocemente nel novero dei “pastori” d’Arcadia, stringendo anche amicizia con Pietro Metastasio. Ma la passione dominante divenne assai presto lo studio della storia attraverso indagini erudite, così care alla raffinata società romana dell’epoca. Da giurista – fu infatti decano dei prelati votanti di Segnatura - ebbe particolare interesse per la documentazione archivistica, ma non trascurò le altre discipline, a cominciare dalla ricerca archeologica. Dedicò buona parte delle sue energie all’approfondimento della storia locale con notizie di prima mano, redigendo in oltre settanta anni di studi una monumentale Historia Verularum, che invero riguarda tutti i centri dell’antica diocesi di Veroli; in quest’opera, i maggiori eruditi romani del tempo gli furono amici e collaboratori. Sempre in sintonia col gusto della cultura romana settecentesca, egli fu parimenti un fine bibliofilo, raccogliendo per decenni pezzi di archeologia libraria, tanto nel campo dei manoscritti quanto in quello degli stampati.
La fondazione della “Biblioteca Seminarii Verulani”, la prima d’ uso pubblico nel Lazio meridionale, poi nota come Giovardiana, fu il naturale compimento di queste sue inclinazioni e tuttora la biblioteca costituisce uno specchio fedele della cultura erudita dell’epoca e della passione antiquaria del fondatore.
 

• Relatore:  Dott. Paolo Scaccia Scarafoni, bibliotecario della “Biblioteca Giovardiana” di Veroli

• Sede : Palazzo Episcopale di Veroli, Sala del trono. Via del Vescovado (nei pressi della Piazza del Comune)
Senza dubbio è una delle sale più affascinanti e caratteristiche dell’intero Palazzo, che per secoli ha fatto da cornice a cerimonie ufficiali e udienze particolari dei vescovi verolani. Fu realizzata sotto il governo del vescovo Filonardi e, alla fine del ‘700 decorata con la serie dei medaglioni dei presuli. La serie ufficiale parte con Martino del 743 e giunge, quasi completa, ai giorni nostri. Le ottocentesche vedute verolane in monocromo e i ritratti sono tutti opera di pittori verolani.

• Orario: ore 16,30-20,00

• Capienza sala n. 100   posti

• E’ prevista  una  visita, alle ore 18 alla Biblioteca Giovardiana (Visite guidata per un num. di 20 persone per volta)

• Il contributo è di € 10 a persona

PREVENDITA BIGLIETTI
• Palazzo della Provincia- P.zza Gramsci- Frosinone. Ass. alla Cultura Tel. 0775.219222
• Comune di Veroli- P.zza Mazzoli- Assessorato alla  Cultura
• Pro Loco di Veroli – tel. 0775/238929
• Libreria San Graal – Anagni- Tel. 0775/728885 

 
 
 

© 2007 - 2018 Latiumadiectum
e-mail: redazione@latiumadiectum.it - direttore@latiumadiectum.it
Il portale viene aggiornato senza regolare periodicità, pertanto non rientra nella categoria dell'informazione
periodica stabilita dalla Legge n.62 del 7 marzo 2001.