Home
Vittorio Miele - Mostra antologica di dipinti


E’ comprensibile la difficoltà del riguardante inesperto di percepire la diversa scala di valori,   ma  appare  evidente  che   un’opera  d’arte   è  sempre  legata   al  visivo,  ed   è inevitabilmente portata a lasciar privilegiare agli occhi dei  visitatori  le  ragioni  estetiche,  rispetto  alle  intenzionalità e all’animus decidendi dell’artista. Ne viene di conseguenza che le opere vengono guardate come se fossero avulse dal pensiero  che le  ha  determinate  e soprattutto  –  nella forma  –  distaccate  dagli   eventi   storici vissuti, mentre per un artista-sismografo, come Vittorio Miele, le vicende vengono continuamente agitate nella forma-colore e finanche drammaticamente presagite come anticipazioni dell’immediato futuro.   

Come è stato detto, un artista non dipinge i fatti della rivoluzione per dimostrare l’innovatività dell’opera. Consapevole di questo concetto, Vittorio Miele non separa le passioni dalla forma, che indirettamente le esprime, ma  –  combinando le parole con il destino degli uomini del tempo mette a nudo la discrepanza tra l’io e la realtà, soprattutto l’incomprensibilità di certe terrificanti realtà, che bloccano l’anima in subbuglio e che la dispongono ad un’attesa tutt’altro che pacificata.

 Ed ecco come il dolore-rivolta, per le vicende della vita, affiora in superficie in immagini trepidanti, che anche quando Miele – da artista eternista – non le identifica otticamente e/o ideologicamente, evidenziano  comunque il  dramma  dominato  dall’Urschrei espressionista e proprio dell’artista attivista, il quale tramuta il “grido” irrefrenabile in un “urlo condensato” nella struttura stessa delle cose. Non si compiace della rivolta fine a se stessa, ma progetta e costruisce.

Il “superamento” appare ora definitivamente raggiunto. In quanto il contrasto tra silenzio apparente delle cose – condensato in una struttura naturale, il cui limitare è bloccato da una intelaiatura geometrica e razionale – e il grido vitalistico e irrazionale, che pervade la sua pittura, ha portato l’artista alla perfetta reductio ad unum degli elementi discordi, confermando lo scopo eternista dell’arte di Vittorio Miele: edificare una nuova e valida metafisica. 

 Torna alla presentazione generale



 

© 2007 - 2018 Latiumadiectum
e-mail: redazione@latiumadiectum.it - direttore@latiumadiectum.it
Il portale viene aggiornato senza regolare periodicità, pertanto non rientra nella categoria dell'informazione
periodica stabilita dalla Legge n.62 del 7 marzo 2001.