Home
Il MUSEO A SCUOLA, LA SCUOLA NEL MUSEO
Image
"Il museo a scuola, la scuola nel museo".
14 febbraio 2007
Presentato il I° Laboratorio didattico del Museo della media valle del Liri di Sora.
 
  

Il 14 febbraio 2007, la sala conferenze della biblioteca comunale di Sora ha ospitato la presentazione della pubblicazione scaturita dai lavori del I Laboratorio didattico del Museo della media valle del Liri di Sora, intitolato “Il museo a scuola, la scuola nel museo”.
Il progetto, ideato e coordinato dal direttore scientifico del museo, la dottoressa Alessandra Tanzilli, ha visto protagonisti gli allievi di quattro istituti scolastici della città, affiancati dai rispettivi docenti: Istituto magistrale statale “Vincenzo Gioberti”, Istituto tecnico statale per le attività sociali, Liceo scientifico statale “Leonardo Da Vinci”, Istituto statale d’arte “Antonio Valente”.
Al tavolo degli oratori erano presenti: Alessandra Tanzilli, direttore del Museo della media valle del Liri di Sora, Paola Pascucci, funzionario della Regione Lazio per l’area “Musei, archivi e biblioteche”, Bruno La Pietra, Assessore alle Politiche culturali del Comune di Sora, Benedetto Volpe, responsabile dell’Ufficio Beni e Servizi culturali della Provincia di Frosinone.

«Un museo è un’entità dinamica che può e deve aprirsi alle attività di studio e di ricerca, favorire l’approfondimento storico e sviluppare le capacità creative attraverso l’analisi degli eventi e la lettura in chiave artistica, tecnica e letteraria di reperti e monumenti…»: questa l'apertura di Alessandra Tanzilli, direttore del museo ma anche insegnante, dunque anello di congiunzione ideale tra due mondi che troppo spesso vivono parallelamente senza incontrarsi, se non in modo occasionale, poco consapevole e dunque sterile di frutti duraturi.

Le parole della dottoressa Pascucci, scaturite dall’esperienza di chi, in quanto funzionario pubblico, gode di un punto d’osservazione privilegiato sul generale panorama del mondo museale regionale, non fanno che completare e amplificare il pensiero appena espresso: «Il museo non deve essere un contenitore ma una realtà viva, in continua relazione con il territorio».

La partecipazione della pubblica amministrazione, testimoniata dalla presenza attiva e solidale dell’Assessore La Pietra, è stata confermata dal dottor Volpe, da sempre particolarmente attento alla vita di musei, archivi e biblioteche della provincia di Frosinone, il quale, dopo aver lodato la vitale “effervescenza” degli organismi sorani impegnati in attività di studio, ricerca e promozione della cultura, ha messo in evidenza una necessità che non è solo istituzionale ma anche e soprattutto civica e intellettuale, vale a dire la necessità di «…innalzare la soglia della percezione del patrimonio…».

Un patrimonio poco o male conosciuto è un patrimonio conseguentemente poco e male studiato, tutelato, promosso e dunque amato. I beni culturali non sono solo degli archeologi e degli storici dell’arte che li studiano, sono in primo luogo della comunità intellettuale che li vive e della comunità civica che li tutela e valorizza.
Nella seconda metà dell’Ottocento, Giovan Battista Cavalcaselle scriveva che bisogna «conoscere per conservare». La conoscenza e dunque l’educazione alla tutela e valorizzazione del patrimonio, ci sentiamo di aggiungere, partono dalla scuola… necessariamente… doverosamente.

Dunque un plauso e un ringraziamento intellettuale ad Alessandra Tanzilli, agli insegnanti e agli studenti che attraverso questo primo – ma non ultimo poiché è già partito il secondo – laboratorio didattico museale, con passione e dedizione ma anche impegno e sacrificio, hanno dimostrato che le vestigia del passato, rivitalizzante nel presente, possono educare e formare per il futuro.


                                                                      Cinzia Mastroianni

Note: Si ringrazia Caterina Grimaldi per aver realizzato parte delle foto pubblicate in questo articolo.

td>

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

 

© 2007 - 2018 Latiumadiectum
e-mail: redazione@latiumadiectum.it - direttore@latiumadiectum.it
Il portale viene aggiornato senza regolare periodicità, pertanto non rientra nella categoria dell'informazione
periodica stabilita dalla Legge n.62 del 7 marzo 2001.