Home
VILLAMAGNA, RESOCONTO DEGLI SCAVI 2006


La dott.ssa Federica Romiti ha presentato una relazione sulla ricognizione sistematica della zona intorno a Villamagna, svoltasi nel mese di novembre. L’equipe ha ricognito un’area di 25 kmq all’interno degli attuali confini amministrativi del comune di Anagni, individuando circa 31 siti di sicuro interesse archeologico e sottolineando le variazioni che il territorio a subito nel corso del tempo rispetto al primo censimento condotto da Matilde Mazzolani nel 1969.

L’indagine ha evidenziato una serie di piccoli insediamenti, disposti intorno alla villa, i quali, nella maggioranza dei casi sono contemporanei della stessa residenza. È stato, inoltre, identificato un manufatto per l’approvvigionamento idrico delle stesse, molto probabilmente un acquedotto sotterraneo, in parte ancora funzionante ed alimentato da una sorgente.

La prof.ssa Fentress ha concluso i lavori presentando i risultati delle prospezioni geofisiche condotte in un’area di circa 8 ettari ed evidenziando una serie di strutture, tra cui una probabile area termale, che potrebbero costituire nel futuro un ulteriore incentivo per la ricerca in quest’area.

Le relazioni sono state chiuse dall’auspicio da parte della prof.ssa Fentress di continuare le ricerche nell’area con la collaborazione del comune e di tutti gli enti preposti alla tutela del patrimonio culturale della valle.

Ci associamo a questo desiderio della professoressa, augurandoci che una proficua collaborazione con gli enti pubblici porti al proseguimento dei lavori, sia in forma di scavo che di pubblicazioni, fondamentali per la conoscenza di questo sito che, come è stato sottolineato, ha le potenzialità per eguagliare Villa Adriana a Tivoli.

                                                                           Maria Giudici   
 

Torna a Anagni, Villamagna 
 
Torna a Scavi archeologici



 

© 2007 - 2018 Latiumadiectum
e-mail: redazione@latiumadiectum.it - direttore@latiumadiectum.it
Il portale viene aggiornato senza regolare periodicità, pertanto non rientra nella categoria dell'informazione
periodica stabilita dalla Legge n.62 del 7 marzo 2001.